PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig

PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig

Un agente temporale ha come missione prevenire un apocalittico attentato terroristico per opera di un misterioso e sconosciuto dinamitardo chiamato il “Bomber”. Due righe, quelle che per molte scuole di sceneggiatura…
PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig
POLTERGEIST di Gil Kenan

POLTERGEIST di Gil Kenan

In un’epoca cinematografica così ghost-friendly, ossessionata dalle continue produzioni ectoplasmatiche sfornate dalla Blumhouse e dai suoi epigoni, un cult come il Poltergeist – Demoniache presenze di Hooper non sarebbe potuto…
POLTERGEIST di Gil Kenan
INTERVISTA A NICOLAS WINDING REFN

Intervista a NICOLAS WINDING REFN

Fondazione Cinema per Roma festeggia i primi dieci anni del Festival capitolino con il progetto CityFest, durante il quale il pubblico romano potrà assistere a proiezioni speciali, eventi unici ed…
Intervista a NICOLAS WINDING REFN
E.N.D. – THE MOVIE di AA. VV.

E.N.D. – THE MOVIE di AA. VV.

Anche E.N.D. , l'ultimo lavoro collettivo di Federico Greco, Luca Alessandro, Allegra Bernardoni e Domiziano Cristopharo, è rientrato nella programmazione della 35esima edizione del Fantafestival, nella giornata del 24 giugno,…
E.N.D. – THE MOVIE di AA. VV.
I film e i corti vincitori del FANTAFESTIVAL 2015

I film e i corti vincitori del FANTAFESTIVAL …

La XXXV edizione del Fantafestival [Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico – dal 22 al 29 giugno 2015], diretta da Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli – promossa dal…
I film e i corti vincitori del FANTAFESTIVAL …
INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello

INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello

Nella 35esima edizione del Fantafestival, conclusasi il 29 giugno 2015, ad aggiudicarsi il Pipistrello d'Oro come Miglior Lungometraggio Italiano, è stato Index Zero, opera prima di Lorenzo Sportiello, già presentata…
INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello
TED 2 di Seth MacFarlane +

TED 2 di Seth MacFarlane

Può esistere una retorica del politicamente scorretto? Un modo di essere irriverenti o provocatori e tuttavia socialmente accettati e supportati? Tutto questo a molti potrebbe apparire come una contradizione in…
TED 2 di Seth MacFarlane
FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO di Paolo Gaudio

FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO …

Quando la tecnica si sposa con la scrittura, e quindi con il corpus del film, non c'è critica che valga. Fantasticherie di un passeggiatore solitario, primo lungometraggio di Paolo Gaudio,…
FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO …
INDEX ZERO: Intervista a Lorenzo Sportiello

INDEX ZERO: Intervista a Lorenzo Sportiello

[Luca Ruocco]: Ciao, Lorenzo. Innanzitutto mi piacerebbe che tu ci raccontassi, in breve, la storia del tuo “Index Zero” ai nostri lettori. [Lorenzo Sportiello]: E’ la storia di una coppia di…
INDEX ZERO: Intervista a Lorenzo Sportiello
EVIL SOULS: Intervista a Maurizio e Roberto Del Piccolo

EVIL SOULS: Intervista a Maurizio e Roberto D…

[Luca Ruocco]: Ciao, Roberto e Maurizio. Tornate al Fantafestival dopo aver vinto, quattro anni fa, il Pipistrello d’Oro per il Miglior Lungometraggio Italiano con “The Hounds”. Qual è stato il…
EVIL SOULS: Intervista a Maurizio e Roberto D…
PreviousNext

PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig

predestination1Un agente temporale ha come missione prevenire un apocalittico attentato terroristico per opera di un misterioso e sconosciuto dinamitardo chiamato il “Bomber”.

Due righe, quelle che per molte scuole di sceneggiatura dovrebbero essere la lunghezza ideale del soggetto di un film e che qui sono il massimo consentito dalla legislazione morale in fatto di spoiler.

Perché Predestination è un’idea di cinema. Quell’idea che è stata approfondita anche da Cristopher Nolan in film come Memento, ovvero stimolare i processi cognitivi dello spettatore trascinandolo in un rompicapo narrativo, con l’ambizione di accompagnarlo in una spirale di rivelazione fino all’epifanico finale.

I fratelli Spierig si appoggiano a un soggetto complesso, il racconto di Robert Heinlein Tutti i miei fantasmi, ma Heinlein si trova avvantaggiato nel confondere lo spettatore, che nelle pagine del racconto può solo carpire quello che l’autore decide di suggerirgli, mentre il cinema è un linguaggio più entusiasta e aperto, e la costruzione delle scene implica anche la possibilità di immergersi in maniera meno criptica nella trama e, dunque, di trovarsi più preparati di fronte ai colpi di scena.

Continua a leggere

POLTERGEIST di Gil Kenan

poltergeist1In un’epoca cinematografica così ghost-friendly, ossessionata dalle continue produzioni ectoplasmatiche sfornate dalla Blumhouse e dai suoi epigoni, un cult come il Poltergeist – Demoniache presenze di Hooper non sarebbe potuto passare ancora per troppo tempo indenne dalla catena di riciclaggio e riattualizzazione di idee dei remake hollywoodiani.

Arriva, infatti, proprio in questi giorni nelle sale italiane il Poltergeist firmato da Gil Kenan [Monster House] alla regia e da David Lindsay-Abaire alla sceneggiatura.

La storia rimane quella di una famiglia abbastanza normotipo che si insedia nella casa sbagliata al momento sbagliato. La villetta monofamiliare in cui papà, mamma e i tre figli si trasferiscono [e non è il caso di farne mistero, visto che il punto rimane fermo a quello fissato da Steven Spielberg nel 1982] è stata irresponsabilmente costruita su un camposanto, senza che i costruttori si fossero prima preoccupati di rimuovere i corpi per risistemarli in un altro luogo.

Continua a leggere

Intervista a NICOLAS WINDING REFN

Io e RefnFondazione Cinema per Roma festeggia i primi dieci anni del Festival capitolino con il progetto CityFest, durante il quale il pubblico romano potrà assistere a proiezioni speciali, eventi unici ed a Masterclass con registi ed attori internazionali. Ad aprire questa lunga serie di Lezioni di Cinema d’eccezione il regista danese Nicolas Winding Refn, autore di pellicole di grande successo come Drive, Bronson e Solo Dio Perdona. Qui di seguito un report dell’incontro con il cineasta tenutosi venerdì 26 nell’affascinante cornice del museo MAXXI di Roma.

[Paolo Gaudio]: È vero che temevi che questa sera non sarebbe venuto nessuno?

[Nicolas Winding Refn]: Sì, è proprio così! Anzi, grazie mille a tutti per essere qui. La paranoia che ho per le stanze vuote nasce a Venezia: dovevamo proiettare Valhalla Rising al Festival, ma sfortunatamente per me  il film fu programmato a mezzanotte e temevo che non ci sarebbe stato nessuno a vederlo a quell’ora. Ciò nonostante, ero molto felice perché si trattava della mia prima volta ad un grande festival e avrei dovuto tenere persino una conferenza stampa. La proiezione andò deserta come sospettavo ma il meglio per noi – mi trovavo a Venezia con Mads Mikkelsen – fu la conferenza. Prima di entrare qualcuno disse di non preoccuparmi poiché non ci sarebbe stata molta gente: in realtà non c’era proprio nessuno! Da quel momento temo sempre eventi come quello di questa sera.

Continua a leggere

E.N.D. – THE MOVIE di AA. VV.

END locandinaAnche E.N.D. , l’ultimo lavoro collettivo di Federico Greco, Luca Alessandro, Allegra Bernardoni e Domiziano Cristopharo, è rientrato nella programmazione della 35esima edizione del Fantafestival, nella giornata del 24 giugno, dedicata agli zombie.

E.N.D. è un film in quattro parti che, se distinte per trama e ambientazione, hanno un robusto filo conduttore che le lega e alcuni personaggi che ricorrono e si evolvono durante la narrazione.

Il film si distingue, innanzitutto, per un buon ritmo, tanta azione e ad una ironia che non è mai esagerata. In E.N.D. però è anche il dramma dei protagonisti a prendere forza, a partire da quello [presente nel secondo episodio] del signor Ricchi [Marco Di Stefano], il cui figlio [Fabrizio Di Giorgio] è morto a causa di una dose di cocaina tagliata male. L’uomo si rivolge ad una agenzia di pompe funebri, gestita da Massimo [Antonio Bilo Canella], che ha assunto Giorgio, un “preparatore di cadaveri” [Francesco Sannicandro] molto abile nel suo lavoro. Il figlio del signor Ricchi, dopo l’autopsia, è stato ricucito, e quando Giorgio lo vede per prepararlo alla sepoltura, rimane impressionato dal suo aspetto: sembra ancora vivo, nonostante non lo avesse ancora truccato. Dello stesso parere è il signor Ricchi, che chiede a Massimo di adagiare il corpo del figlio all’interno di una bara non sigillata, dalla quale sia possibile uscire. Quel rivolo di sangue sul labbro del ragazzo, poi, sembra ancora fresco… Continua a leggere

EffectUs: Il primo evento italiano di Makeup Special Effects

effectus0Special Makeup Effects è il nome internazionale degli Effetti Speciali di Trucco, l’arte che consente di modificare il volto umano per raggiungere nuove sembianze, mettendo in atto una metamorfosi della fisionomia, utilizzata in particolar modo nel mondo dello spettacolo [cinema, televisione, teatro] oppure per eventi particolari. Se il Make Up ai fini estetici ricerca l’identificazione in un ideale di bellezza dominante, nell’ambito dello spettacolo grazie all’uso degli Effetti Speciali, esso consente all’attore di calarsi fisicamente in un personaggio e di essere riconoscibile come tale agli occhi del pubblico. Gli Effetti Speciali sono dunque una branca del Make Up volta alla creazione di un personaggio che si spinge oltre le fattezze naturali del corpo dell’interprete. Il terreno di azione di questa disciplina và dalla trasformazione iperrealistica [invecchiamenti, cambio di etnia o genere] a quella fantastica [creature, mostri, alieni] lavorando non solo sul viso o sul corpo intero, ma talvolta andando anche contro iconfini del lavoro sull’attore: gli effetti speciali comprendono di fatti la creazione di manichini, elementi animatronici, parti di corpi, oltre che di creature molto complesse, che possono essere impersonate o dall’attore o animate per via meccanica.

Continua a leggere

AMERICAN HORROR STORY – COVEN e UNDER THE DOME 2

american-horror-story-coven-1In questa recensione vi presentiamo i cofanetti di due serie TV pensate per chi, come noi di InGenere, è particolarmente attirato dal cinema, e dalla cultura, fantasy, sci-fi e horror.

Cominciamo con il gran bel cofanetto [grande confezione, 4 dischi e contenitore cartonato] di American Horror Story – Coven, la terza stagione della serie ideata da Ryan Murphy, 13 episodi che trasportano stavolta la narrazione grottesco-orrorifica all’interno di una congregazione di giovani streghe, alla corte di una sempre a suo agio Jessica Lange, nel ruolo dell’oscura madre reggente.

Coven riporta il filone più importante della narrazione ai giorni d’oggi [dopo il macabro viaggio negli anni ’50 di Asylum], per raccontare, come sempre attraverso personaggi molto caratterizzati, quella che potrebbe essere una versione oscura del racconto dell’educazione magico-adolescenziale dell’occhialuto Harry Potter, raccontata proprio attraverso la vita di alcune streghette adolescenti, con poteri differenti e tutti sui generis [la bambola voodoo umana è tutto un programma, ad esempio…].

Continua a leggere

Koch Media presenta MIDNIGHT FACTORY

midnight-factoryKoch Media, azienda leader nella produzione e nella distribuzione di prodotti per l’intrattenimento digitale, dà vita a Midnight Factory, sua nuova etichetta di proprietà, che punta a raccogliere il meglio della produzione mondiale del genere horror, spaziando tra i classici contemporanei del genere, e le declinazioni thriller e fantasy.
Attraverso Midnight Factory, Koch Media punta a diffondere e a far conoscere al pubblico italiano, al cinema ed in home video, i film dei grandi maestri, le opere prime dei registi emergenti, i grandi classici del passato, le produzioni indipendenti e i titoli inediti. Una line-up di titoli ricca e variegata, accuratamente selezionata in base alla qualità delle produzioni.

Continua a leggere

I film e i corti vincitori del FANTAFESTIVAL 2015

FANTASTICHERIE (2)La XXXV edizione del Fantafestival [Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico – dal 22 al 29 giugno 2015], diretta da Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli – promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Cinema, e realizzato in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia Cineteca Nazionale – è lieta di annunciare la rosa di premiati di questa sua trentacinquesima edizione.

Pipistrello d’Oro al Miglior Film Straniero al georgiano  Landmine Goes Click di Levan Bakhia, alle prese con un racconto di sopruso e vendetta. Pipistrello d’oro al Miglior Film Italiano a Lorenzo Sportiello per il suo Index Zero, che segna il ritorno della fantascienza Made in Italy, distopia di un futuro che parla di presente, di evoluzione della società lungo il medesimo asse sul quale poggia oggi ma nella peggiore delle direzioni.

Continua a leggere

INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello

Index 1Nella 35esima edizione del Fantafestival, conclusasi il 29 giugno 2015, ad aggiudicarsi il Pipistrello d’Oro come Miglior Lungometraggio Italiano, è stato Index Zero, opera prima di Lorenzo Sportiello, già presentata al Festival Internazionale del Film di Roma.

Già durante la proiezione del 26 giugno, presso il Multisala Barberini, il pubblico aveva risposto con entusiasmo alla proiezione del film, come dimostrato poi  dalle domande poste al regista e al montatore Giuseppe Trepiccione al termine della proiezione.

Il film inizia dando subito sfogo alla tensione e all’ansia dei personaggi che vivono in una società immaginaria del futuro neanche troppo distante dalla nostra. Anno 2035: Kurt [Simon Merrells] ed Eva [Ana Ularu] stanno scappando dalla loro città nella speranza di raggiungere il confine con gli Stati Uniti d’Europa; entrambi sono reputati “non sostenibili” dalla società, soprattutto la donna, che è incinta e prossima a partorire, e per questo sono pronti ad iniziare ad un viaggio pericoloso e sfiancante che li porterà ad attraversare un tunnel [bellissima la sequenza in cui si muovono a fatica per raggiungere la superficie, realizzata in modo tale da far soffrire per primo lo spettatore].

Continua a leggere

MEMORIE DAL FUTURO: 60 ANNI DI FANTASCIENZA RAI

Wonderland 3Tra gli appuntamenti immancabili del Fantafestival 2015 c’è lo spazio dedicato al format TV Wonderland, da sempre una piccola perla di Rai4. Inevitabile dunque, anche nella nuova edizione 2015, la presenza degli autori Carlo Modesti Pauer e Leopoldo Santovincenzo. Quest’anno, con loro, Massimo Lodolo, voce  del programma, che festeggia 34 anni di carriera,.

In Memorie dal futuro – 60 anni di fantascienza Rai [regia di Giuseppe Bucchi], attraverso un’operazione di montaggio mirata a riassumere l’argomento, si descrive la storia della fantascienza in Rai, prendendo in esame gli sceneggiati e i programmi televisivi inerenti proprio alla fantascienza, compresi i documentari e i cartoni animati. Colpisce infatti che, già dai primi anni ’60, la Rai trasmettesse programmi dedicati al futuro e alla tecnologia, così come a discussioni sulla presenza degli extraterrestri e non solo.

Non mancano poi gli sketch dei grandi comici italiani, come Walter Chiari, Paolo Panelli, Aldo Fabrizi o Totò. Oggetto di indagine è anche il popolare settimanale italiano La domenica del Corriere, fondato nel 1899, supplemento del Corriere della Sera, con le sue note tavole a colori [che andarono avanti fino alla chiusura nel 1989]. Continua a leggere