ALIEN: COVENANT di Ridley Scott

Covenant è una nave spaziale impiegata in una missione di colonizzazione planetaria. Nel pieno del proprio viaggio, una tempesta di neutrini rischia di mandare in avaria gran parte degli impianti, per questo il computer centrale e il membro sintetico dell’equipaggio, Walter, decidono di risvegliare capitano, piloti e squadra al comando.

Durante le manovre messe in atto per riportare la situazione alla norma, l’equipaggio intercetta un messaggio proveniente da un pianeta abitabile molto più vicino rispetto a quello scelto come destinazione.

Quando parte dell’equipaggio scende sulla superficie del pianeta, una spaventosa e minaccia biologica non tarda palesarsi. Ma non è la sola sorpresa ad aspettarli: gli uomini del Covenant ritrovano un velivolo alieno schiantato e le tracce del passaggio della nave spaziale Prometheus… In poco tempo i nuovi arrivati verranno rintracciati da David, l’androide della nave misteriosamente scomparsa, un modello precedente a quello di stanza sul Covenant, ma di identico aspetto esteriore [doppia parte, quindi per Michael Fassbender, che si trova anche a gestire una scena che potrà far sbocciare qualche sorriso]. Già… Prometheus

Nel precedente capitolo della saga, Ridley Scott e gli sceneggiatori Jon Spaihts e Damon Lindelof erano riusciti ad ingrandire l’universo narrativo di Alien, ad allargarlo in maniera smisurata, rischiosa addirittura.

L’inserimento di teorie creazioniste, dei famosi Ingegneri, aveva fatto traballare il microcosmo narrativo forte proprio perché chiuso e riconoscibile. L’aveva reso instabile, ma anche nuovo e affascinante.

Ma il ritrovarsi all’interno di un qualcosa allo stesso tempo conosciuto e irriconoscibile, aveva frazionato in due parti il pubblico di fan dello xenomorfo. Non una perfetta metà, perché le reazioni del pubblico tesero più a rimarcare con nostalgia la distanza che separava Prometheus dal resto della saga.

Di certo per rispondere a questa frangia poco convinta, Alien: Covenant vuole apparentarsi ad Alien più che al suo capitolo predecessore. Non può, certo, dimenticare il viaggio della nave Prometheus o la mitologia degli Ingegneri, ma non vuole porre l’accento su quello. Non per niente nel titolo torna ad essere specificata la parola “Alien”.

Ridley Scott fa, quindi, qualche passo indietro. Lo fa bene, e con mestiere. Ma per chi aveva amato il precedente allargarsi dell’orizzonte narrativo, il ritorno ad una storia più piccola può creare qualche attimo di stordimento.

Alien: Covenant non punta sul nuovo e, anzi, rielabora atmosfere e situazioni conosciute, proprio per riagganciare un pubblico un po’ disaffezionato, ma allo stesso tempo cerca di rimettere in ordine alcune delle cose lasciate in giro da Prometheus. Prova a dare veloci risposte ai quesiti sospesi, che tanto amari erano risultati alla bocca dei più, ma allo stesso modo prova a chiudere in modo veloce, e in alcuni casi noncurante, alcune aperture forse troppo spinte. Il dubbio è se sia una marcia decisa o no, se qualcosa possa essere ripescato e riaffrontato nella prossima storia, visto il finale lasciato molto aperto.

Per quanto riguarda il lato sci-fi e le creature, il lavoro fatto sugli xenomorfi è davvero buono negli esemplari adulti, un po’ meno convincente nei cuccioli, e buono anche nella presentazione di altri esseri, esemplari ibridi che l’equipaggio di Covenant si troverà ad affrontare sul pianeta sconosciuto.

Nonostante il buon lavoro tecnico fatto, l’operazione di recupero che comunque riesce a scatenare bene il meccanismo dell’effetto nostalgia, di certo Alien: Covenant sceglie volutamente di non puntare sulla sorpresa, e qualche volta inciampa in un senso del prevedibile che potrebbe giocargli a sfavore, e per far partire la realmente la parte interessante della storia ci impiega qualche anno luce!

Luca Ruocco

ALIEN: COVENANT

Regia: Ridley Scott

Con: Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Carmen Ejogo, Amy Seimetz, Jussie Smollet, Callie Hernandez

Uscita in sala in Italia: giovedì 11 maggio 2017

Sceneggiatura: John Logan, Dante Harper

Produzione: Brandywine Productions, Scott Free Productions

Distribuzione: 20th Century Fox

Anno: 2017

Durata: 122’


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/comments/?ids=http://www.ingenerecinema.com/2017/05/08/alien-covenant-ridley-scott/): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 17

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 19
Segui [LR] su Facebook:
Post Facebook Più Recenti

“La Gazzetta dello Sport”: Bollettino uscite n.26 - InGenere Cinema InGenere Cinema

Su #InGenereCinema le uscite a fumetti de La Gazzetta dello Sport: #DylanDog, #SuperEroiClassic, #IPuffi

0 mi piace, 0 commenti9 ore fa

Orfani: RINGO – Chiamata alle armi di Roberto Recchioni - InGenere Cinema InGenere Cinema

#Ringo, il Pistolero di Orfani – Sergio Bonelli Editore, torna a vivere in un romanzo scritto da Roberto Recchioni e illustrato da Emiliano Mammucari,..

0 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

Foto del diario

#RassegnaStampa: Mercurio Loi – Sergio Bonelli Editore n.1 di Alessandro Bilotta e Matteo Mosca Ed: Sergio Bonelli Editore [euro 4,90] “Chi è..

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

PIRATI DEI CARAIBI – LA VENDETTA DI SALAZAR di Joachim Ronning e Esper Sandberg - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: #PiratiDeiCaraibi – LA VENDETTA DI SALAZAR di Joachim Ronning e Esper Sandberg, su #InGenereCinema [recensione di Egidio Matinata]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

RITRATTO DI FAMIGLIA CON TEMPESTA di Kore-eda Hirokazu - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: RITRATTO DI FAMIGLIA CON TEMPESTA di Kore-eda Hirokazu [recensione di Egidio Matinata]

0 mi piace, 0 commenti3 giorni fa