PICCOLI CRIMINI CONIUGALI di Alex Infascelli

Dopo il David di Donatello per il documentario S is for Stanley, Alex Infascelli torna alla fiction con Piccoli crimini coniugali. Un kammerspiel freddo ed elegante tinto di giallo e tratto dall’omonimo romanzo best seller del 1960 di Éric-Emmanuel Schmitt.

Dopo un brutto incidente domestico, un affermato scrittore di thriller, torna a casa dall’ospedale completamente privo di memoria. Ragiona ma non ricorda, non riconosce più neppure la moglie, la quale tenta di ricostruire la loro vita di coppia, tassello dopo tassello, cercando di oscurarne le ombre. Via via che si riportano alla luce informazioni dimenticatem, si manifestano delle crepe: sono molte le cose che non tornano nel racconto e il confine tra verità e menzogna è molto sottile.

Claustrofobico, teatrale, artificiale, sinistro, psicanalitico e straniate. Piccoli crimini coniugali è tutto questo e si propone come l’opera più ambiziosa e personale del regista di Almost Blue.

In un appartamento algido eppure barocco – al limite del kitsch – una coppia sposata, interpretata da Sergio Castellitto e da Margherita Buy, dà vita a un dramma da camera fatto di parole, accuse, menzogne e inquietanti strategie.

La macchina da presa li spia, fotografandoli con estrema eleganza, mostrando una certa ossessione per la composizione dell’immagine e per la simmetria. Infascelli ha studiato tanto il cinema di Kubrick e con questa pellicola sembra voler omaggiare il maestro con una regia rigorosa ed estetica. Il cinema riflette il teatro e viceversa, restituendo un curioso loop nel quale l’intimità è violata, ma allo stesso tempo, desidera esserlo. Gli interpreti ci ricordano costantemente l’artificio della messa in scena, utilizzando un linguaggio e una gestualità lontanissima dal naturalismo cinematografico. Eppure, questa costruzione, ci permette di accostarci alle dinamiche più personali e profonde che riguardano questa coppia. Tale contraddizione potrebbe respingere lo spettatore [soprattutto nella prima mezz’ora] che si trova improvvisamente all’interno di un sistema al quale non è abituato e che senza dubbio, lo pone in una scomoda posizione.

Piccoli crimini coniugali ha il merito e il coraggio di essere disturbante e opprimente, nonostante il tema sia l’amore, la coppia e il matrimonio. Pochissimi film italiani hanno la forza di proporre un affresco così nero delle dinamiche che regolano una coppia sposata. Questa ambizione espone la pellicola di Infascelli ad essere facilmente fraintesa, nonché a esporsi a critiche feroci. Il nostro invito è quello di andare al di là di frettolosi giudizi semplicistici e di affrontare il film come un’opera che cerca di indagare pieghe molto profonde della relazione più diffusa e spaventosa che esiste: il matrimonio.

L’ultima fatica di questo interessantissimo regista è un dialogo terapeutico tra attrazioni e litigi, una spiazzante alternanza di amore e risentimento, finti ricordi e veri timori. Il nostro cinema ha un disperato bisogno di operazioni di questo tipo e di autori che non hanno paura di fare il proprio cinema e mostrare la propria visione.

Piccola nota a margine: la danza di Castellitto sulle note di I Feel Love di Donna Summer, vale da sola il prezzo del biglietto. Una sequenza a tratti onirica e psichedelica, che affascina e rapisce e che conduce il racconto a una svolta decisiva. Già cult!

Paolo Gaudio

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

Regia: Alex Infascelli

Con: Sergio Castellitto, Margherita Buy

Uscita sala in Italia: giovedì 6 aprile 2017

Sceneggiatura: Alex Infascelli, Francesca Manieri

Produzione: Fabula Pictures, 102 Distribution, Minerva Pictures, Rai Cinema

Distribuzione: Koch Media

Anno: 2017

Durata: 85′


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/comments/?ids=http://www.ingenerecinema.com/2017/04/24/piccoli-crimini-coniugali-alex-infascelli/): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 17

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 19
Segui [LR] su Facebook:
Post Facebook Più Recenti

FANTAFESTIVAL 2017: Il programma completo, su InGenere Cinema! InGenere Cinema

Fantafestival 2017: Il programma completo, su #InGenereCinema!

1 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

GLI SDRAIATI di Francesca Archibugi, l’ultimo film di Francesca Archibugi. InGenere Cinema

#GliSdraiati di Francesca Archibugi, su #InGenereCinema [recensione di Giovanni Cosmo]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

Recensione del nuovo DC-Cinecomic JUSTICE LEAGUE di Zack Snyder! InGenere Cinema

#JusticeLeague: Paolo Gaudio parla del nuovo cinecomic #DC, su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

STALKER di Andrei Tarkovskji in Blu-Ray per CG Entertainment InGenere Cinema

[home video]: #STALKER di Andrei Tarkovskji in Blu-Ray per CG Entertainment. Su #InGenereCinema la recensione di Luca Servini.

3 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

www.ingenerecinema.com

La recensione di Gilda Signoretti del Blu-Ray di #IT di Tommy Lee Wallace, su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti1 settimana fa