POLTERGEIST di Gil Kenan

poltergeist1In un’epoca cinematografica così ghost-friendly, ossessionata dalle continue produzioni ectoplasmatiche sfornate dalla Blumhouse e dai suoi epigoni, un cult come il Poltergeist – Demoniache presenze di Hooper non sarebbe potuto passare ancora per troppo tempo indenne dalla catena di riciclaggio e riattualizzazione di idee dei remake hollywoodiani.

Arriva, infatti, proprio in questi giorni nelle sale italiane il Poltergeist firmato da Gil Kenan [Monster House] alla regia e da David Lindsay-Abaire alla sceneggiatura.

La storia rimane quella di una famiglia abbastanza normotipo che si insedia nella casa sbagliata al momento sbagliato. La villetta monofamiliare in cui papà, mamma e i tre figli si trasferiscono [e non è il caso di farne mistero, visto che il punto rimane fermo a quello fissato da Steven Spielberg nel 1982] è stata irresponsabilmente costruita su un camposanto, senza che i costruttori si fossero prima preoccupati di rimuovere i corpi per risistemarli in un altro luogo.

Questa mancanza di rispetto causa il profondo risentimento delle anime inquiete che trova sfogo, e forse unico spiraglio di speranza, nel paranormale rapimento della figlia più piccola dei Bowen, Madison [Kennedi Clements], anima candida che potrebbe essere l’unica in grado di accompagnare gli erranti verso “la luce” e la pace.

poltergeist3Questo, grossomodo, il plot di Poltergeist, che rimane – per scheletro – invariato rispetto al suo predecessore… passo falso, per chi scrive, che da sempre ha trovato “utili” solo i remake che hanno dimostrato il coraggio di distaccarsi dal proprio “originale” per raccontare una versione “altra” e personale della storia d’ispirazione.

Tant’è… volendo generalizzare, questo Poltergeist pur non presentando a livello di script grandi e innovativi cambiamenti, non può nemmeno essere definito una copia conforme al cult di Hooper.

I primi punti di scostamento su cui Kenan gioca riguardano, innanzitutto, una modernizzazione del mondo in cui i protagonisti si muovono dettata da contingenze “temporali”: alle “diaboliche presenze” non basterà più manifestarsi attraverso un televisore a tubo catodico [debitamente sostituito da un plasma a schermo piatto], ma pretendono di spaziare tra smartphone di ultima generazione e tablet. E va bene.

poltergeist2La cosa che, però, questo Poltergeist trasmette sin dalle prime scene è la volontà di azzerare, di svuotare, chissà perché, la storia originale da tutti quei significanti neanche troppo nascosti che andavano dall’invasione/possessione che sceglie come “mezzo” proprio la televisione, alla lenta ma completa dissaldatura dell’iconica figura della famiglia felice americana, dissezionata in tanti singoli elementi, sottolineandone malfunzionamenti, ansie e paure.

Ciò che rimane nel nuovo film è solo una coppia affiatata ma piegata dai problemi economici che non riesce a tener testa ad una famiglia troppo numerose per le proprio tasche…

E non funziona affatto nemmeno il ripiego su una comicità forzata, cercata a tutti i costi, esibita per rendere il prodotto più teen e appetibile per un target preciso di consumatori.

poltergeist4Una comicità che rimbalza tra i due coniugi e trova amplificazione nell’investigatore televisivo dell’occulto che [sostituendo la sensitiva nana del film originale], arriva a dare man forte alla squadra di parapsicologi interpellati dalla famiglia per provare a disinfestare la casa.

Davvero tutto molto insapore, a partire dal cast [papà Sam Rockwell in primis, del tutto fuori parte], fino alla concretizzazione degli spiriti infestanti, realizzati come una massa di corpi accatastati e doloranti che lasciano il tempo che trovano e fanno riflettere sul fatto che, nonostante il tentativo di attualizzazione, il nuovo Poltergeist sembra poter contare su meno special effects di quello anni ottanta… Altro punto interrogativo.

Luca Ruocco

POLTERGEIST

2 Teschi

Regia: Gil Kenan

Con: Sam Rockwell, Rosemarie DeWitt, Jared Harris, Jane Adams

Uscita in sala in Italia: giovedì 2 luglio 2015

Sceneggiatura: David Lindsay-Abaire, basato sul film Poltergeist di Steven Spielberg, Michael Grais e Mark Victor

Produzione: Metro-Goldwyn-Mayer, Ghost House Pictures, Vertigo Entertainment

Distribuzione: 20th Century Fox

Anno: 2015

Durata: 93’


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/comments/?ids=http://www.ingenerecinema.com/2015/07/03/poltergeist-di-gil-kenan/): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 17

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.ingenerecinema.com/home/wp-content/plugins/facebook-like-and-comment/comments.php on line 19