APES REVOLUTION – Il Pianeta delle Scimmie di Matt Reeves

Locandina Apes RevolutionChi lo ha detto che le scimmie non possono cavalcare i cavalli?

In Apes Revolution, ultima [per ora] e attesissima fatica di Matt Reeves [Blood Story; Cloverfield], succede, e non è l’unica novità che vi troverete. Quale miglior film, se non Apes Revolution, per chiudere la serata finale della 34esima edizione del Fantafestival, tenutasi il 23 luglio 2014 al Cinema Barberini, a Roma? Reeves prende dunque le redini della saga de Il Pianeta delle Scimmie, dopo il precedente L’alba del pianeta delle scimmie, 2011, di Rupert Wyatt, con un sequel della durata di 134 minuti godibilissimi e frenetici.

Sono trascorsi dieci anni da quando il virus – originato dalle sperimentazioni eseguite dagli scienziati di un laboratorio galenico sui primati, per studiare le cure dell’Alzheimer – ha sterminato la razza umana. Le scimmie ora dominano il pianeta Terra, ma non possono dormire sonni tranquilli in quanto gli uomini sopravvissuti al disastro ancora bramano di riprendere il comando, e non hanno nessuna voglia di scendere a compromessi con esse, che si trovano nella fase di iper evoluzione, e hanno da poco acquisito l’uso della parola [tanto che continuano ancora a comunicare a gesti, tra loro].

Apes Revolution foto 4Cesare [Andy Serkis] continua a guidare i suoi simili nella foresta, e nessuno meglio di lui potrebbe ricoprire il ruolo di capo, per merito della sua saggezza e avvedutezza. Cesare, a differenza dei suoi simili, non odia gli uomini, o almeno non tutti. Cresciuto sotto la guida dello scienziato Will [James Franco], il leader dei primati ha imparato a non generalizzare e a fare tesoro della generosità di alcuni umani. Per questo, quando l’architetto Malcolm [Jason Clarke], sopravvissuto con pochi altri esseri umani al virus, decide di comunicargli l’intenzione di sfruttare una diga dalla quale il suo popolo potrebbe ottenere nuovamente energia elettrica – che si trova proprio nella foresta abitata dalle scimmie – Cesare si rende subito disponibile al dialogo, non senza però presentare alcuni avvertimenti.

Cesare ha trovato una compagna, Cornelia [Judy Greer], dalla quale ha avuto due figli, di cui uno appena nato. Ed è proprio con la nascita di suo figlio che si apre il film, in una scena molto tenera e commovente.

Apes Revolution foto 3Apes Revolution è un film che racconta, attraverso la lotta alla sopravvivenza, la sofferenza delle scimmie, minacciate dagli uomini, nei confronti dei quali non riescono ad avere piena fiducia perché in loro vedono solo crudeltà e sete di potere. Entrano poi in gioco due facce della stessa medaglia, ovvero Dreyfus [Gary Oldman], ex agente che ha assunto il ruolo di guida della popolazione che vive a San Francisco, e Carver [Kirk Acevedo], quest’ultimo guida del gruppo di scienziati e archeologi diretti verso la foresta, entrambi spietati e contrari ad ogni forma di dialogo con le scimmie. Lo stesso vale, nel gruppo di scimmie capeggiate da Cesare, per Koba [Toby Kebbell], il bonobo dai temibili occhi bianchi e sfigurato in viso, la cavia sottoposta, nel film di Wyatt, al farmaco T 113. Koba è un vero guerriero che non conosce regole, se non le proprie, e sogna di poter prendere presto il posto di Cesare, ma, a differenza di questi, vorrebbe formare la civiltà delle scimmie in un altro modo, fondandola non su un metodo democratico ma dittatoriale, nel quale non ci sia spazio per il confronto ma solo per gli ordini.

Apes Revolution foto 2Nel cast anche Keri Russell, nel ruolo dell’infermiera Ellie, mediatrice con Malcolm dell’accordo tra uomini e scimmie.

Dal punto di vista tecnico Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie, distribuito da 20th Century Foxsfiora la perfezione, e non solo per lo straordinario uso del motion capture, assolutamente realistico, ma anche per lo studio che è stato fatto sugli effetti speciali, così come la cura del design. Se poi a ciò si unisce un particolare coinvolgimento del pubblico alla storia, allora davvero Reeves merita con questa sua ultima fatica un giusto riconoscimento. In Apes Revolution ci si commuove, e lo spettatore non può rimanere indifferente di fronte alla sofferenza delle scimmie, così come non può non rimanere meravigliato dalle belle sequenze dello scontro tra queste e gli uomini.

Apes Revolution foto 1Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie è anche un film crudo: non mancano infatti le scene nelle quali è la violenza a trionfare, quella violenza di cui Koba è propagatore.

Un plauso va agli sceneggiatori: Mark Momback, Rick Jaffa e Amanda Silver, autori anche della sceneggiatura di L’alba del pianeta delle scimmie di Wyatt, che hanno saputo costruire una storia intensa e vivace pur comprendendo al suo interno delle brevi fasi di interruzione dall’azione utili per comprendere la caratterizzazione dei personaggi e… perché no, prendere fiato dall’azione.

In attesa di vederlo al cinema, ecco una clip dal film:

CLIP, SURVIVOR

Gilda Signoretti

APES REVOLUTION

4.5 Teschi

Regia: Matt Reeves

Con: Andy Serkis, Jason Clarke, Gary Oldman, Keri Russell, Toby Kebbell, Kodi Smit-McPhee, Kirk Acevedo, Larramie Doc Shaw, Judy Greer, Nick Thurston

Uscita in sala in Italia: mercoledì 30 luglio 2014

Produzione:  Chernin Entertainment

Distribuzione: 20th Century Fox

Anno: 2014

Durata: 130′